Google+ Followers

Translate site your language

giovedì 26 febbraio 2015

FAMIGLIA Basso - Berio

Alessandro Basso scrive:

Vorrei completare le informazioni che già possiedo concernenti il Padrone Marittimo Francesco Berio (1856-1923) detto “Fusjan”.

Francesco Berio nacque a Saint Tropez ed era figlio del costruttore navale Domenico Berio e di Maria Serafina Basso, sorella del mio nonno paterno Pasquale Basso; era quindi cugino di mio padre Giuseppe Luigi Basso.

Fu comandante di due velieri che mio nonno Pasquale fece costruire a Oneglia nei cantieri Terrizzano: il brigantino goletta “Kitty” e, in seguito, la nave goletta “Clelia Basso” con la quale fece viaggi transoceanici verso le Antille e l’America settentrionale.

Divenne famoso per la sua perizia di navigatore ed è tuttora ricordato a Oneglia. Francesco Berio era di grande coraggio e generosità e durante il terremoto di Oneglia nel 1887 salvò la vita a tre persone, fatto per il quale ricevette un attestato di benemerenza.

Dopo la vendita della “Maria Clelia” credo che per un periodo comandasse una nave da diporto di un signore di Nizza.

Non so se Francesco era sposato e se aveva figli.

Non sono certo nemmeno di dove morì (? Oneglia,? Nizza) né se suo padre era di origine italiana o francese.

Sarei pertanto grato se qualcuno potesse fornirmi queste indicazioni."

Rimango in attesa di notizie. Cordialmente,

Alessandro Basso

aleg.basso@alice.it

Ad integrazione di quanto già riferito L'amico ALESSANDRO BASSO scrive:

Ho trovato dei vecchi appunti e delle lettere di mio nonno; da questi documenti ho potuto accertare che i Berio della mia famiglia originarono da Oneglia.
Il nonno del Padrone Marittimo Francesco si chiamava Antonio (Giovanni Antonio) e aveva un fratello chiamato Bartolomeo che andò a Saint Tropez, dove morì. 

Questo spiegherebbe perché Domenico (padre di Francesco e nipote di Bartolomeo) avesse deciso di andare, sia pure temporaneamente, a Saint Tropez. 

So anche che Domenico si sposò e poi morì a Oneglia.

In una lettera a mio nonno il padrone Francesco Berio accenna a sua moglie Nerina, ma non parla di figli.

Vari anni fa cercai il certificato di morte di Francesco Berio a Oneglia, ma mi fu detto che molti documenti di quell’anno (1923) andarono perduti in un’alluvione.

Cercherò negli Archivi Francesi, che ora sono “on line”, un certificato di morte di Francesco, nel caso fosse morto a Nizza dove lavorò dopo che mio nonno terminò la sua attività di armatore.

------------------------------------------------------------------------------------------

invito in particolare i Berio e i francesi del sud della francia a prendere contatto co l'amico Alessandro - grazie

Nessun commento:

Post più popolari